domenica, Giugno 28, 2020
Home Cultura L'Ue dichiara guerra alle fake news sul Covid che vengono da Russia...

L’Ue dichiara guerra alle fake news sul Covid che vengono da Russia e Cina

- Advertisement -

11 giugno 2020

“La disinformazione ai tempi del coronavirus può uccidere”: ne è convinto l’Alto Rappresentante/Vicepresidente Josep Borrell, secondo cui “abbiamo il dovere di proteggere i nostri cittadini rendendoli consapevoli della diffusione di informazioni false e denunciando i responsabili di tali pratiche”.

- Advertisement -

Questo perché – ha denunciato l’Unione europea, “la pandemia di coronavirus è stata accompagnata da un’ondata massiccia di informazioni false o fuorvianti, compresi tentativi da parte di soggetti stranieri di influenzare i cittadini e i dibattiti pubblici nell’Ue”.

Il riferimento è a Russia e Cina e a renderlo più esplicito è stata la vicepresidente della Commissione europea con delega alle Politiche sui valori e sulla trasparenza, la ceca Vera Jourovà, in prima linea nella battaglia contro la disinformazione online, che “minaccia la democrazia”,

- Advertisement -

L’articolo di disinformazione durante la pandemia che ha avuto più seguito “è statopubblicato da Sputnik Italia ricevendo 112.800 like, condivisioni e commenti su Facebook, Twitter, Pinterest e Reddit” e “sosteneva falsamente che la Polonia non aveva permesso a un aereo russo con a bordo aiuti umanitari e un team di medici diretto in Italia di sorvolare il proprio spazio aereo” ha denunciato in un’intervista al Corriere della Sera.

“Un secondo caso di disinformazione, con 94 mila interazioni, è un articolo pieno di teorie complottiste pubblicato in inglese su orientalreview.org: sosteneva che il coronavirus non è una vera pandemia, che l’Italia avrebbe lasciato l’Ue e che Trump e Putin devono fermare le élite e i banchieri dal dominare il mondo”, ha aggiunto la Jourovà.

“L’Ue è un’unione di Stati che è scomoda per alcuni attori stranieri”, ha osservato la commissaria che ha presentato la Comunicazione sulla lotta alla disinformazione legata al Covid. “Soprattutto la Russia usa la propaganda per disturbare la nostra stabilità e democrazia“, ha aggiunto,
“vengono prodotte in modo sistematico fake news finalizzate a sfruttare l’ansia e la paura delle persone e indebolire la fiducia nelle istituzioni”.

- Advertisement -

La Commissione e l’Alto Rappresentante hanno valutato le loro iniziative volte a lottare contro la disinformazione e propongono la strada da seguire attraverso la comunicazione congiunta.

“Ondate di disinformazione hanno colpito l’Europa durante la pandemia di coronavirus, provenienti tanto dall’interno quanto dall’esterno dell’Ue”, ha dichiarato la Jourová. “Per lottare contro la disinformazione dobbiamo mobilizzare tutti i soggetti interessati, dalle piattaforme digitali alle autorità pubbliche, e sostenere i verificatori di fatti e i media indipendenti. Pur avendo intrapreso iniziative positive durante la pandemia, le piattaforme digitali devono intensificare i loro sforzi. Le nostre azioni hanno radici profonde nei diritti fondamentali, in particolare la libertà di espressione e di informazione.”

La crisi si è trasformata in un banco di prova per dimostrare come l’Ue e le sue società democratiche affrontano la sfida della disinformazione.

I punti fermi per “un’Ue più forte e più resiliente”

Comprendere

È importante in primo luogo distinguere tra contenuti illegali e contenuti dannosi ma non illegali; occorre poi considerare la labilità dei confini tra le varie forme di contenuti falsi o ingannevoli: dalla disinformazione, che è per definizione intenzionale, alla cattiva informazione, che può essere involontaria.

La motivazione può variare, da operazioni di influenza mirate condotte da soggetti stranieri a ragioni puramente economiche. Ciascuna di tali sfide richiede una risposta calibrata. È inoltre necessario mettere a disposizione una maggiore quantità di dati per il controllo pubblico e migliorare le capacità analitiche.

La comunicazione

Durante la crisi l’Ue ha intensificato le proprie attività volte ad informare i cittadini sui rischi e a rafforzare la cooperazione con altri soggetti internazionali per contrastare la disinformazione. 

La Commissione continua a sfatare i miti che circondano il coronavirus tramite una pagina web che ha totalizzato più di 7 milioni di visualizzazioni. Il servizio europeo per l’azione esterna, assieme alla Commissione, ha intensificato la comunicazione strategica e potenziato la diplomazia pubblica nei paesi terzi, compresi i Paesi del vicinato dell’Ue.

Vi sono state operazioni di influenza e campagne di disinformazione mirate, intraprese nell’Ue, nei paesi vicini e a livello globale da soggetti stranieri e da alcuni paesi terzi, in particolare Russia e Cina. Ad esempio, la task force East StratCom del SEAE ha individuato e denunciato sul sito web EUvsDisinfo più di 550 narrazioni di disinformazione provenienti da fonti pro-Cremlino.

La cooperazione 

  • con il Parlamento europeo e il Consiglio e tra istituzioni dell’Ue e Stati membri, grazie all’utilizzo di canali consolidati, quali il sistema di allarme rapido e i dispositivi integrati per la risposta politica alle crisi dell’Ue; tali canali saranno ulteriormente sviluppati allo scopo di rafforzare le capacità e migliorare l’analisi del rischio e la diffusione delle notizie essenziali in periodi di crisi;  
  • con i partner internazionali, compresi tra gli altri l’OMS, il meccanismo di risposta rapida del G7 e la NATO, garantendo una maggiore condivisione di informazioni, attività e migliori prassi; è opportuno intensificare tale aspetto per affrontare in maniera più efficace l’influenza estera e la disinformazione; 
  • nei paesi terzi l’Ue potenzierà il sostegno e l’assistenza a protagonisti della società civile, media e giornalisti indipendenti nell’ambito del pacchetto “Team Europa” e rafforzerà il supporto destinato al monitoraggio delle violazioni della libertà di stampa e alle attività di sensibilizzazione per un contesto più sicuro a livello di media; 
  • infine, molti consumatori sono stati fuorviati e indotti ad acquistare a prezzi eccessivi prodotti inefficaci o potenzialmente pericolosi e le piattaforme hanno rimosso milioni di annunci pubblicitari ingannevoli;la Commissione continuerà a cooperare con le piattaforme digitali e a sostenere la rete di cooperazione per la tutela dei consumatori delle autorità nazionali per contrastare tali pratiche che violano la normativa in materia di tutela dei consumatori.

La trasparenza

La Commissione ha monitorato con grande attenzione le azioni delle piattaforme digitali ai sensi del codice di buone pratiche sulla disinformazione. Sono necessari ulteriori sforzi, più trasparenza e maggiore responsabilità:

  • le piattaforme dovrebbero trasmettere relazioni mensili contenenti dati più dettagliati sulle azioni da esse svolte per promuovere contenuti autorevoli e limitare la disinformazione sul coronavirus e gli annunci pubblicitari a essa relativi; dovrebbero inoltre intensificare la loro cooperazione con i verificatori di fatti – in tutti gli Stati membri e in tutte le lingue – e i ricercatori e garantire maggiore trasparenza quanto all’attuazione delle loro politiche intese a informare gli utenti che interagiscono con la disinformazione; 
  • la Commissione esorta le altre parti interessate che non hanno ancora sottoscritto il codice a partecipare a tale nuovo programma presentando le loro relazioni;
  • sulla base delle attività dell’osservatorio europeo dei media digitali, di recente istituzione, l’Ue potenzierà ulteriormente il sostegno offerto a verificatori di fatti e ricercatori.

Libertà di espressione e pluralismo del dibattito democratico 

È un aspetto centrale della nostra risposta alla disinformazione. La Commissione continuerà a monitorare l’impatto sul diritto e sui valori dell’Ue delle misure di emergenza adottate dagli Stati membri nel contesto del coronavirus.

La crisi ha fornito una testimonianza del ruolo dei media liberi e indipendenti quali servizio essenziale, che fornisce ai cittadini informazioni attendibili e verificate, contribuendo a salvare delle vite.

L’Ue intensificherà il proprio sostegno a media e giornalisti indipendenti nell’Ue e a livello mondiale. La Commissione invita gli Stati membri a intensificare gli sforzi profusi per garantire che i giornalisti possano lavorare in sicurezza e a valorizzare al massimo la risposta economica dell’Ue e il pacchetto per la ripresa per sostenere i media colpiti duramente dalla crisi, rispettando nel contempo la loro indipendenza.

Fornire strumenti ai cittadini, sensibilizzarli e rafforzare la resilienza della società 

Ciò significa consentire ai cittadini di partecipare al dibattito democratico salvaguardando l’accesso alle informazioni e la libertà di espressione e promuovendo l’alfabetizzazione mediatica e la cultura dell’informazione dei cittadini, compresi pensiero critico e competenze digitali. Si tratta di obiettivi conseguibili attraverso progetti di alfabetizzazione mediatica e sostenendo le organizzazioni della società civile.

Le prossime tappe

Le azioni proposte oggi confluiranno nelle attività future dell’Ue in materia di disinformazione, in particolare il piano d’azione europeo per la democrazia e la legge sui servizi digitali.

ads

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Italy
240,136
Covid-19 Totali

sport

Uno strepitoso Meret regala la coppa Italia al Napoli.

19 giugno 2020 Fatali per la Juve di Maurizio Sarri, ex allenatore del Napoli, i primi due calci di...

Il campionato di calcio riparte il 20 giugno

29 Maggio 2020 "Il Cts ha dato l'ok al protocollo ma mantenendo la quarantena. Il campionato riprende il 20...

Giovedì incontro Figc-Comitato Tecnico Scientifico

06 Maggio 2020 L’atteso confronto tra la Federcalcio e il Comitato tecnico scientifico (Cts) è stato fissato per giovedì...

Calcio, ministro Spadafora chiede ripresa degli allenamenti individuali

 Il ministro per lo sport, Vincenzo Spadafora, ha scritto una lettera al comitato tecnico scientifico della Protezione Civile, a seguito delle ordinanze regionali, chiedendo "di...

COMMENTI RECENTI